\\ Casa Base : Articolo : Stampa
Facciamo due calcoli...
Di Baba (del 17/05/2007 @ 16:18:59, in Attesa, linkato 1242 volte)

Sto facendo in questi giorni qualche ricerca in internet per sapere quanto mi comporterà come peso l'arrivo di questo bambino.

Oltre al peso fisico (approssimativamente dai 9 ai 14 kg in più), sento già che avremo diversi sgravi "monetari", specialmente per noi che viviamo nella zona tra Lodi e Milano. Tra le più ricche, ma anche tra le più costose d'Italia.

Se per quel che riguarda le visite e le analisi, lo stato aiuta parecchio dando alla donna incinta la possibilità di essere esente dai costi di analisi del sangue e non che si devono fare mese per mese, dall'altro lato saranno gli altri costi e mancati guadagni che aiuteranno a compensare questo "piccolo" privilegio di risparmio sanitario che per 9 mesi sembra essere un'agio.

Partiamo dai costi del ginecologo. E' vero. Avremo potuto scegliere di andare alla ASL, ma, essendo il primo, vorrei avere le sicurezze maggiori di questo mondo, quindi abbiamo optato per un ginecologo ostetrico da cui andremo domani per la prima volta.

Il costo medio di un ginecologo ostetrico, a visita, è tra i 70/100 euri alla volta. Quindi, nell'arco dei futuri 9 mesi, presupponendo una visita al mese si arriva ad una spesa totale pre-parto di circa 900 euri, quasi 1000.

Per quel che riguarda poi il momento del parto, tra le varie notizie trovate nella rete, ho optato per il parto naturale con epidurale. Non ho voglia di un cesareo anche perchè ho già troppe cicatrici (appendice + laparoscopia per i calcoli) e non voglio aggiungerne altre.

Cercando in rete per quel che riguarda i costi della gravidanza, sono arrivata a sapere che non tutte le aziende ospedaliere "concedono" l'epidurale alle donne, ma, oltretutto, non tutte le aziende ospedaliere che "concedono" l'epidurale lo concedono gratuitamente. Sono casi rari, ma non si sa mai.

Ciò non toglie che ho preso decisione che mi affiderò all'Ospedale di Lodi. Non si soffre già abbastanza e vogliono farti dannare ancora di più durante il parto? : - )

Tornando al lieto evento e non pensando a quello che dovrebbe avvenire, si passa ai mesi in cui è concessa la maternità alle donne. Per legge, se il lavoro non è usurante, le donne incinte possono lavorare fino all'ottavo mese e stare a casa per i 4 mesi successivi il parto per un totale di 5 mesi di maternità (il mio caso). I lavori usuranti, invece, danno possibilità di lavoro fino al settimo mese e poi 3 mesi dopo il parto.

Una cosa bella, dico io. Non male. C'è solo un "piccolissimo e insignificante problema". I mesi non sono sufficienti se la famigliola non ha parenti (vedi i genitori) vicino a casa e non si può permettere la baby-sitter.

Il fatto è che il 90% degli Asili Nido che ho esaminato quest'oggi non ammette bambini al di sotto dell'anno di età e, quei 10%, prevede sì di averli, ma ti chiedono una retta improponibile perchè Asili privati. Il caso che ho visto io è un Asilo nel paese dove abito che chiedono (stando ad un articolo del 2004) una retta che parte da 470€ al mese.

Considerate le nostre entrate e le spese che ne conseguono, sicuramente, non potrò permettermi di tornare a lavoro appena finita la maternità, quindi prenderò almeno altri 2 mesi di allontanamento dal lavoro almeno fino ad arrivare a quella soglia di età di mio figlio (6 mesi) in cui il 30% del 90% dei nidi aprono le porte ai bambini. E questo vuol dire prendere o due mesi di congedo parentale (situazione ancora da comprendere adeguatamente) oppure di aspettativa (che vorrebbe dire essere al di fuori del lavoro e non essere pagata, quindi due mesi di entrate nulle).

La spesa degli altri nidi non la conosco ancora per questo caso. Non l'ho trovata, ma si aggira tra i 200 e i 300 euri al mese.

Bonus bebè. Alcuni mormoreranno, ma, ahimè, il bonus bebè non è più contemplato. Non è più stato dato dallo scorso anno. Pazienza, anche perchè non credo che quei 1.000 € avrebbero fatto molto la differenza.

Insomma, al tirar delle somme e vedendo tutto questo capisco perchè molte persone non fanno figli in Italia. Costano.