\\ Casa Base : Articolo : Stampa
E poi non dovremmo chiamarla malasanitÓ...
Di Baba (del 25/06/2007 @ 09:28:00, in Attesa, linkato 922 volte)

Dunque, dunque, da dove iniziare?

Dal principio, direi, anche se è difficile trovare un principio, ma ci provo.

Come ormai è noto sono in dolce attesa. Venerdì ho fatto la mia seconda visita ed il dottore, fresco fresco, ci dice di fare entro le prossime due settimane la prima ecografia e ci da le date per le prossime due.

Ok, fin qui nulla di male. Tanto che ci vuole? Vai alla A.S.L. e prenoti!

Ma non è così facile, specialmente dalle parole successive del dottore che, pacifico, ci dice che è un po' difficile trovare un posto nelle A.S.L. e quindi ci consiglia, caldamente, di andare in uno studio privato, se non troviamo posto.

Ok, non ci arrendiamo. La sfiga è che ci ha detto questa cosa alle 6.50 di venerdì sera con i Cup tutti chiusi, quindi ci sistemiamo in modo tale da passare alla A.S.L. qui vicina a lavoro stamattina (Lunedì). Sempre meglio controllare prima di passare direttamente nelle fauci del leone, no?

Stamattina passiamo alla A.S.L. e, purtroppo, ci dicono che per le prossime due settimane non c'è posto e che non ci sarà posto fino a ottobre (e quindi salteremmo la seconda ecografia da fare tra la fine di agosto e i primi di settembre).

Questa è la mia situazione attuale. Carina vero?

Ovvio che se il dottore ci avesse detto già il mese scorso di prenotare l'ecografia lo avremo fatto, ma ora ci ritroviamo con l'acqua alla gola e quasi "obbligati" ad andare in uno studio privato. Anche per le prossime due, perchè, parole del dottore "ogni macchina è tarata in modo diverso, quindi è meglio fare le eco sempre nello stesso posto".

Dopo tutto questo ti rendi conto perchè la sanità italiana va male. I medici specialistici ti spingono ad andare negli studi privati (arrivano al punto di avvertirti all'ultimo momento sul cosa fare) mentre le A.S.L., che potrebbero fare le stesse cose, usano per sole 2 ore al giorno per 4 giorni a settimana macchinari che valgono milioni di euri e lasciano che i pazienti vadano a spendere soldi altrove. Mah...

Stamattina ho chiamato quelli del centro che ci ha segnalato. Sto ancora aspettando la loro chiamata, ma mi sa tanto che alla fine di questo post li richiamo io.